Iscrizioni AS 21/22 e tasse scolastiche

Si informa che la nota ministeriale AOODGOSV n.20651 del 12/11/2020, avente per oggetto "Iscrizioni alle scuole dell'infanzia e alle scuole di ogni ordine e grado per l'anno scolastico 2021/2022", dispone al punto 6 - "Iscrizioni alla Scuola secondaria di secondo grado" che le domande di iscrizione degli alunni frequentanti l'ultimo anno della scuola secondaria di primo grado nell’ a.s. 2019/2020 alla prima classe della scuola secondaria di secondo grado sono effettuate esclusivamente online dalle ore 8:00 del 4 gennaio 2021 alle ore 20:00 del 25 gennaio 2021.

"Per gli alunni delle classi successive alle prime e per quelli ripetenti delle classi prime, l'iscrizione è disposta d'ufficio".

Si evidenzia che gli alunni attualmente frequentanti la classe SECONDA (SOLO DEL CEZZI- settore economico- indirizzo AFM) devono indicare la scelta dell'Indirizzo/Articolazione richiesto per il triennio, che comunicheranno attraverso il seguente link: clicca qui.

Tutti gli alunni dovranno versare entro e non oltre il 25/01/2021 l'importo delle tasse scolastiche da versare all’Erario, come da risoluzione n.106/E del 17 dicembre 2019, e precisamente:

contributo scolastico alla scuola che ammontano a:

  •  alunni che si iscrivono al quarto anno tramite modello F24 semplificato con i seguenti codici:

TSCI – tasse scolastiche-Iscrizione € 6,04;

TSC2 -Tasse scolastiche – frequenza € 15,13.

  •  alunni che si iscrivono al quinto anno tramite modello F24 semplificato con il seguente codice:

TSC2 -Tasse scolastiche – frequenza € 15,13

Il Contributo volontario di € 70,00 a favore di questa Istituzione Scolastica per le seguenti finalità:

"innovazione tecnologica, edilizia scolastica, ampliamento offerta formativa, assicurazione alunni" (come da Delibera Consigliare n.12 del 20/01/2017), andrà versato entro il 25 gennaio 2021 al seguente IBAN:

IT80 J 0526279748 T20990001252, da tutti gli alunni (tale modalità è consentita fino al 28/02/2021, salvo diverse disposizioni normative), specificando nella causale "contributo volontario per innovazione tecnologica, edilizia scolastica, ampliamento offerta formativa".

Il contributo volontario costituisce "erogazione liberale detraibile in Dichiarazione dei Redditi".

Le attestazioni dei suddetti versamenti dovranno essere consegnate tempestivamente alla Segreteria Alunni.

Si ricorda che è previsto l'esonero dal pagamento delle tasse scolastiche erariali nei seguenti casi:

- per merito, quando lo studente prevede di essere promosso con la media di almeno 8/10 a prescindere dal reddito. Nella media si computa il voto di condotta che non deve essere inferiore a 8/10. L'esonero per merito non spetta in ogni caso agli alunni ripetenti (salvo le ipotesi di comprovata infermità) [T.U. n. 297/1994, art. 200, e.11);

- per limiti di reddito: è conseguibile qualora il reddito del nucleo familiare, prodottosi nell'anno solare precedente a quello in cui viene richiesto l'esonero, non sia superiore ai limiti di cui alla C.M. annuale non ancora emanata.

Nella determinazione del reddito familiare devono essere computati tutti i redditi prodotti dai componenti, anche quelli esenti da imposte o soggetti a ritenuta alla fonte o ad imposta sostitutiva se superiori a quanto previsto.

Nel caso di studenti - lavoratori il reddito da prendere in considerazione sarà quello proprio dello studente, se lavoratore dipendente; in ogni altro caso si terrà conto del reddito complessivo dei familiari obbligati al mantenimento (art. 433 codice civile).

La domanda diretta ad ottenere l'esonero dalle tasse scolastiche per reddito va ritirata in segreteria corredata da idoneo documento giustificativo. Tale modulo sarà reso disponibile non appena verrà emanata la Nota annuale MIUR - Limiti di reddito. I due tipi di esonero valgono per tutte le tasse scolastiche erariali, ad eccezione della sola tassa di diploma. Per essa, infatti, non è consentita la concessione dell'esonero per motivi di merito (vedi C.M. n. 146 del 15/05/1987).

Si fa presente che qualora, a seguito dello scrutinio finale, lo studente non promosso decidesse di cambiare Istituto o di non proseguire gli studi:

• la somma versata sarà valida per qualsiasi altra scuola o potrà essere restituita a richiesta presso l'Ufficio Unico delle Entrate 

• il contributo previsto a favore dell'Istituto sarà rimborsato, sempre su richiesta, dalla scuola.

Allegati
Circolare n. 119